Il navigante innamorato

é come quando, d'un tratto
guardi l'alba e, vedi il mare.
gli occhi si sgranano alla
sua vastità, ed il cuore,
armonicamente esplode.

é dolore pari a strappar le ossa
quello di lasciarti, oh spuma dolce.
il ritornar m'é dolce in casa mia,
ma il sapore tuo rimane sulle labbra
come il piú dolce dei baci rubati.

sei mamma, e donna, e severa tutrice,
tu che insegni la vita piú d'un corso di laurea,
tu, che vanità e coraggio affronti,
con muri d'acqua, e buio completo,
tu, che il cuore mio strappasti tempo addietro.

sei vita, e sale, e sole, e vento.
e respiro te, ti ho nel sangue da sempre
e sarai tu il mio ultimo abbraccio.
dolce, e bagnato, com'è bagnato ora
il palmo mio di lacrime. ti amo.

Diego Sgueglia, 2019